UN VIAGGIO ALLA SCOPERTA DELLE VILLE DEL LAGO DI COMO: VILLA MELZI

Se vai a Bellagio, la “Perla del Lago di Como”, non puoi non visitare la favolosa Villa Melzi e i suoi giardini. La villa, che si estende lungo la riva del lago, venne costruita nel XIX secolo dal duca Francesco Melzi d’Eril con uno stile prettamente neoclassico, con linee semplici e sobrie in modo da risaltare il paesaggio circostante.

La villa insieme alla cappella, ora adibita a museo storico, testimoniano la compresenza e il passaggio di diversi artisti dell’epoca che hanno lasciato un segno indelebile, esaltandone quindi la bellezza, da cui anche lo scrittore francese Stendhal rimase colpito, tanto da citarla nei suoi scritti. I giardini e il suggestivo chiosco affacciato sul lago, da cui è possibile ammirare l’Isola Comacina, rendono la villa unica nel suo genere.

Concediti quindi una passeggiata all’ombra del viale dei Platani assaporando la brezza del lago, fino ad arrivare alla splendida terrazza ai piedi della villa e fatti incantare dalle statue che trovi lungo la strada. Ammira inoltre le molte specie di fiori e piante che in estate colorano e profumano i giardini di mille sfumature diverse. Alla fine, o all’inizio, del tuo percorso fatti stupire dai colori che si fondono con le acque del laghetto dei Giardini Orientali; te lo assicuriamo, non riuscirai a distinguere i due elementi.

Villa Melzi è quindi un luogo in cui puoi rilassarti e godere del panorama mozzafiato del nostro lago e delle montagne che lo circondano, e, se aguzzi bene la vista, potrai vedere sulla sponda opposta un’altra spettacolare villa, un tratto distintivo del Lago di Como, Villa Carlotta, ma di questa se ne parlerà in seguito.

Come arrivare:

– con il battello o l’aliscafo per Bellagio

– con l’autobus linea C30

Apertura dei giardini:

dal 28 marzo al 31 ottobre

dalle 9:30 alle 18:30

Prezzi:

biglietto singolo 6,50€

entrata di due giorni 8,00€

pagamento presso la biglietteria di Bellagio.

Segui Villa Melzi su Facebook !Villa Melzi

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *